fbpx

World Ducati Week torna a Misano World Circuit dal 26 al 28 luglio 2024

 

Non perdere l’occasione di partecipare alla festa più incredibile dell’anno per i Ducatisti e gli appassionati di moto.

Dal 26 al 28 luglio 2024, preparati a vivere tre giorni indimenticabili di adrenalina e passione, tra sfide in pista e fuori, avventure in sella e momenti esclusivi con i campioni e le leggende Ducati. Un weekend ricco di sorprese e divertimento da godere dal primo all’ultimo minuto al Misano World Circuit „Marco Simoncelli” e sulle splendide spiagge della Riviera di Rimini.

Che tu faccia parte della grande famiglia DOC o che tu sia semplicemente un amante delle due ruote, il WDW è l’evento che ti farà sentire parte di una comunità unica e speciale, quella dei motociclisti di tutto il mondo e di tutte le età che condividono la stessa grande passione.

Misano Sentiment giugno 2024

SENTIMENT, l’educazione sentimentale – Rassegna filosofica

Sentimenti, affetti, emozioni accompagnano la nostra esistenza e ne influenzano il percorso verso sviluppi più o meno felici: tale è il loro impatto sull’esistenza umana che, per afferrarne il senso, la natura, le dinamiche, si sono adoperate le scienze umane e sociali, la medicina e perfino la biologia e la chimica del corpo. Al tema dell’educazione sentimentale è dedicata la quattro giorni filosofica misanese che ogni anno coinvolge un vastissimo pubblico.
Dal 26 al 28 giugno 2024 sotto la direzione di Gustavo Cecchini illustri pensatori dialogheranno con il pubblico sulla necessità dell’educazione ai sentimenti, oggi più che mai necessaria, per acquisire quella sensibilità psichica capace di distinguere il bene dal male, l’amore dall’odio, la partecipazione dall’indifferenza.

Apre mercoledì 26 giugno, presso il giardino della Biblioteca Comunale, il filosofo Silvano Petrosino che declina uno dei sentimenti più importanti ed enigmatici: l’amicizia. Che significato diamo oggi alla parola amico? Che tipo di esperienza descrive il termine amicizia? Quali sono i tratti che consentono il suo riconoscimento? Di troppa amicizia si può morire? E morire per un amico, si può? Sono solo alcune delle domande che affronterà uno dei filosofi italiani più attenti al mondo dei sentimenti. Amicizia come atto di gratuità, dunque, da cui siamo investiti al di là di ogni nostra iniziativa e decisione»

Giovedì 27 giugno in piazza Repubblica arriva la “star” filosofica del momento, Umberto Galimberti con lezione dal titolo: Quando la vita era guidata dal cuore: emozioni e sentimenti nell’età della tecnica. Umberto Galimberti, filosofo, saggista e psicanalista italiano, ci racconterà, in una serata di grande fascino, come il sentimento non sia una dote naturale, ma una dote da acquisire ed accrescere culturalmente. Gli antichi imparavano i sentimenti attraverso la mitologia. Nel grande Olimpo della cultura greca ritroviamo tutta la gamma dei sentimenti umani, una fenomenologia dei sentimenti umani. Nell’Olimpo i Greci hanno descritto le passioni, le emozioni ed i sentimenti quelli che Dante chiama i «movimenti umani». Nel nostro tempo possiamo riapprenderli attraverso la letteratura, luogo privilegiato dove si imparano il dolore, la noia, l’amore, la disperazione, la passione, il romanticismo. La «distanza» odierna dalle emozioni, dalla complessità del linguaggio in cambio di facili semplificazioni unite ad un uso senza freni della tecnologia, provocano una preoccupante e spaesante confusione emozionale. Galimberti narrerà di emozioni e di risonanze emotive in una mappa di idee, riferimenti culturali e pagine della letteratura che risvegliano, emozionano in un tempo anestetizzato dal digitale. Galimberti è eccezionalmente accompagnato dal performer Raffaello Fusaro che interpreta con intensità ed energia alcune pagine della letteratura che hanno la capacità di ricordare come le emozioni vadano sempre re-imparate.

Venerdi 28 giugno, sempre in piazza Repubblica, Enzo Bianchi fondatore della Comunità monastica ed ecumenica di Bose che declinerà la parola Compassione. Compatire non è un atteggiamento esercitato dall’alto verso il basso, con superiorità, come un guardare l’altro con sufficienza “avendo pietà di lui” e neppure come una manifestazione di debolezza, ma significa “patire, soffrire con”, secondo la sua etimologia latina (cum + patior). In tal modo la compassione è tornata a designare un movimento con il quale andiamo dove c’è il male e condividiamo con il sofferente la sua situazione, partecipando al male altrui: raggiunti dalla sofferenza di un altro, sentiamo il dolore sempre come suo, fino a sentirlo con lui come nostro. Il dolore dell’altro diventa il mio dolore. La compassione non è la soluzione alla sofferenza ma è l’unica risposta sensata che l’uomo può dare di fronte al male. Si tratta di soffrire a causa della sofferenza di un altro, di accettare che l’altro con la sua sofferenza faccia soffrire anche me. E si faccia attenzione: questo sentimento, questa passione, da assumere in primo luogo nelle relazioni interpersonali, non si può limitare a tale dimensione, ma deve aprire una strada a livello sociale e anche politico.

La Nostalgia sarà il tema di chiusura, sabato 29 giugno nel giardino della Biblioteca, con la filosofa Lucrezia Ercoli. Titolo del suo intervento: Paradisi perduti. Filosofia della nostalgia. “I veri paradisi sono i paradisi che abbiamo perduto” ha scritto Marcel Proust. La nostalgia è un sentimento che ci accompagna da sempre. Ma oggi più che mai il presente ci sembra opaco, il futuro incerto e imprevedibile: e preferiamo rifugiarci nel rimpianto di una presunta età dell’oro, nel ricordo del “come eravamo” prima di perdere le illusioni. La tecnologia alimenta questa epidemia nostalgica. Il nostro smartphone, invece di portarci nel futuro, si è trasformato in una macchina del tempo che, con un filtro color seppia, tinge il presente di malinconico struggimento. Ma è un gioco pericoloso, la nostalgia può diventare una malattia inguaribile. In questo eterno ritorno dell’identico sembra esaurito lo spazio per pensare il futuro e per produrre il nuovo.

Tutti gli incontri iniziano alle ore 21:15 – Info:

  • Biblioteca Comunale 0541.61.84.84
  • Ufficio Turistico 0541.61.55.20

Lasciamo a voi il compito di raccontare la Romagna, la gioia, il fascino e il divertimento di una vacanza all’insegna del mare, della spiaggia, dello sport, della natura, dell’arte e della cultura.
Perchè venire in vacanza in Romagna? Perchè c’è anche il mare!
𝐑𝐨𝐦𝐚𝐠𝐧𝐚, 𝐥𝐚 𝐯𝐚𝐜𝐚𝐧𝐳𝐚 𝐝𝐞𝐠𝐥𝐢 𝐢𝐭𝐚𝐥𝐢𝐚𝐧𝐢

 

“Ne avete viste tante, ora è tempo di provarle” è lo slogan scelto dall’Esposizione internazionale delle due ruote per lanciare l’EICMA Riding Fest, un nuovo format gratuito nato in occasione del 110° anniversario di EICMA.

L’evento si svolgerà al Misano World Circuit Marco Simoncelli il 27 e 28 aprile, offrendo l’opportunità di testare direttamente le moto presentate all’EICMA 2023.

Il programma dell’EICMA Riding Fest è pensato per ogni tipo di appassionato di moto. L’evento offre un’ampia gamma di experience per esplorare a 360° la passione per le moto: dai demo ride gratuiti, alla guida off-road su percorsi specifici, fino ai test in pista con le supersportive e hypernaked più potenti.

Un’attenzione speciale è rivolta anche ai giovani, con iniziative organizzate in collaborazione con la Federazione Motociclistica Italiana, che includono la prova di moto 125 e attività formative e ludiche per bambini dai 5 ai 12 anni, promuovendo così la passione per le due ruote anche tra le future generazioni.

Per accedere gratuitamente all’evento, basterà registrarsi sul sito eicma.it. Il biglietto gratuito consentirà l’ingresso al paddock con oltre 250 moto disponibili per i test, spettacoli, intrattenimento, giochi e attività dedicate a giovani e adulti. Anche le prove delle moto messe a disposizione dalle Case costruttrici saranno gratuite, al contrario dell’Experience in pista che, invece, avrà un costo, con i ricavi che saranno devoluti a iniziative di beneficenza.

Misano Adriatico, 6 aprile 2024 – Un Beach Party a 2000 metri d’altezza: è l’iniziativa in programma quest’oggi ad Obereggen, nel cuore delle Dolomiti a 20 minuti da Bolzano, nata dalla collaborazione tra la „Fondazione di Partecipazione Misano: Mare, Sport e Cultura” e la località altoatesina.

Da Misano Adriatico è partita alla volta di Obereggen una spedizione composta da una trentina di persone, a cominciare dall’assessore allo sport del comune di Misano Filippo Valentini, dal presidente della Fondazione Luigi Bellettini, lo staff di Visit Misano e tanti albergatori e operatori della spiaggia.

L’Obereggen Snowpark per un giorno si è trasformato in una spiaggia bianca, con tanto di ombrelloni, lettini ed una piscina artificiale, per promuovere le peculiarità di Misano Adriatico ad alta quota. A questo scopo, è stato predisposto del materiale informativo sulle EcoVie di Misano, sugli eventi estivi, come la Notte Rosa, e sulle tante manifestazioni sportive che animano Misano tutto l’anno, a partire dalla Formula E del prossimo weekend.

Anche un assaggio di cibo tradizionale, con 600 piadine preparate per i tanti turisti presenti sulla neve.

„Insieme alla Fondazione abbiamo creduto in questa attività promozionale che si svolge in un contesto frequentato da molti turisti, in occasione della chiusura delle piste da sci – commenta il sindaco Fabrizio Piccioni -. L’obiettivo è quello di fare conoscere ad un’ampia platea le tante opportunità che Misano offre, con il suo territorio e gli eventi. Visto il successo dell’iniziativa valuteremo, insieme ad Obereggen, di aprire un canale di promozione reciproca delle nostre località”.

„Siamo solo a metà giornata ma abbiamo ottenuto già tanti apprezzamenti – spiega Luigi Bellettini -. Sono presenti tantissimi giovani e abbiamo avuto molte interazioni con la scuola sci. La piadina a 2.000 metri è stata un successo! Tutto molto positivo, insomma, compresa la giornata splendida dal punto di vista meteorologico”.

In programma anche una particolare gara di Freestyle per Snowboarder e Freeskier che mette in palio, per il vincitore, due biglietti per il Gran Premio RedBull di San Marino e della Riviera di Rimini.

Sarà il filosofo Silvano Petrosino a chiudere, venerdì 22 marzo, la rassegna Ritratti d’Autore – i classici che aiutano a vivere. Sul palco del Teatro Astra, alle 21:00, porterà il capolavoro della letteratura mondiale” Memorie di Adriano” di Marguerire Youcernar, un libro di straordinaria profondità parla di vita e di morte, di conflitti e di amore, di libertà e diritti umani.

Attraverso le parole dell’Imperatore Adriano, Marguerite Yourcenar mette su carta la paura di perdere la vitalità, l’eros e la gioventù e affrontare l’inevitabile avvicinarsi della fine. Un elemento che rende questa lunga epistola così coinvolgente è la sua capacità di mettere a nudo Adriano come uomo e come imperatore, nelle sue ambizioni così come nelle sue fragilità. Memorie di Adriano rappresenta un esempio per chi si volesse cimentare in riflessioni sulla propria vita e sul ruolo della memoria. Un classico da riscoprire poiché riflette in modo puntuale su questioni cruciali per l’essere umano di qualsiasi epoca.

 

Silvano Petrosino, uno dei più apprezzati filosofi italiani, è professore ordinario di Antropologia religiosa e media e di Teorie della Comunicazione presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si è occupato della tradizione fenomenologica ed esistenzialistica della filosofia contemporanea, dedicando importanti studi e traduzioni all’opera di Emmanuel Lévinas e Jacques Derrida. Nelle sue ricerche ha indagato la natura del segno e del linguaggio, il rapporto tra razionalità e moralità, l’analisi della struttura dell’esperienza con particolare attenzione al rapporto tra la parola e l’immagine, tra il desiderio e l’umano, analizzando anche la dimensione etica della comunicazione e dei media. Tra le sue opere recenti: Emmanuel Lévinas. Le due sapienze (Milano 2017); Il desiderio. Non siamo figli delle stelle (Milano 2019); Il miraggio dei social. Euforia digitale e comunicazione responsabile (Novara 2019); Lo scandalo dell’imprevedibile. Pensare l’epidemia (Novara 2020); Dove abita l’infinito. Trascendenza, potere e giustizia (Milano 2020); Piccola metafisica della luce. Una teoria dello sguardo (Milano 2021); Logiche follie. Sacrifici umani e illusioni della giustizia (con Gabrio Forti, Milano 2022); Le fiabe non raccontano favole. Una difesa dell’esperienza (Milano 2023); la sua prima incursione nella fiction con: I coniugi Limpido (Novara 2023).

L’evento d’apertura del calendario sportivo trasforma il circuito in una grande palestra a cielo aperto

Attesi oltre un migliaio di atleti per la podistica Gran Premio Città di Misano e per la gara ciclistica nazionale Elite Under 23

Misano Adriatico, 21 febbraio 2024 – Saranno gli Open Games in programma domenica 25 febbraio ad aprire il fitto calendario sportivo di Misano World Circuit. In occasione della manifestazione, organizzata in collaborazione con il Comune di Misano Adriatico, il circuito si trasformerà in una grande palestra a cielo aperto dove poter misurare le proprie abilità agonistiche ma anche concedersi una giornata all’insegna del benessere e del divertimento, testando le attività proposte dalle associazioni sportive del territorio.

Dalle 8:30 alle 12:30, sono tante le attività in programma. Da non perdere le esperienze in pista: dalla pedalata per bimbi e famiglie, alla pattinata e camminata non competitiva.

Spostandosi nel paddock, la proposta prevede test ride con i nuovi modelli in e off road di E-bike, tour del circuito, corsi di educazione alla strada, scuola di MTB e gincana.

In programma anche sessioni di Nordic Workout a tempo di musica con cuffie audio (su prenotazioni al numero 333.7048910), oltre a dimostrazioni e prove libere di Ginnastica Dinamica Militare (per iscrizioni all’allenamento di prova contattare il numero 320.01722742 oppure 333.9514485).

Infine, due appuntamenti agonistici di grande richiamo. Il primo è il Gran Premio Città di Misano, gara nazionale podistica di 10 km, riconosciuta Fidal, giunta alla dodicesima edizione. La gara in pista, organizzata dall’ASD Team Misano, ha fatto registrare il sold-out con qualche giorno di anticipo rispetto alla chiusura delle iscrizioni e vedrà schierati al via 1.000 partecipanti, tra cui atleti di spicco del panorama podistico italiano (tra cui Stefano Baldini e i suoi allievi) e alcuni atleti provenienti anche dall’estero.

Scatterà alle 13:00, infine, il 3° GP Misano 100, gara ciclistica nazionale Elite Under 23 organizzata dall’Eurobike Riccione.

L’evento Open Games è possibile grazie alla collaborazione delle associazioni sportive del territorio: Asd Team Misano, Eurobike Riccione, Asd Valle del Conca Nordic Walking, Freestyle Riccione Asd, Tecnobike e Ginnastica Dinamica Militare Italiana.

La manifestazione vuole essere veicolo di promozione di una sana pratica sportiva e di corretti stili di vita, all’interno di un circuito sempre più vocato alla polifunzionalità e alla sostenibilità. Lo dimostrano alcuni grandi eventi inseriti nel calendario sportivo del Misano World Circuit, a cominciare dal Misano E-Prix, tappa italiana dell’ABB FIA Formula E World Championship, grande novità del 2024 del “Marco Simoncelli”. A questa si aggiunge la tappa misanese che da alcuni anni chiude il Campionato del Mondo Moto E, nell’ambito del Gran Premio RedBull di San Marino e della Riviera di Rimini, senza tralasciare l’Italian Bike Festival, il salone internazionale dedicato al mondo bike e alla mobilità slow, che per il terzo anno consecutivo si terrà a Misano World Circuit nel mese di settembre.

Un’attenzione, quella ai temi della sostenibilità ambientale, che trova attuazione concreta attraverso il progetto “Misano Green Circuit”, premiato nel 2023 con il prestigioso FIM Environment Trophy, il riconoscimento al circuito che nel mondo si è distinto maggiormente per le attività verso il contenimento dell’impatto ambientale delle attività svolte.

Al Cinema Teatro Astra di Misano Adriatico arriva la nuova rassegna di teatro Astra Verba Ridens all’interno di Classico Contemporaneo – Youz Generazione di Idee, progetto finanziato grazie all’Avviso Youz Officina della Regione Emilia-Romagna, coordinato da Il Tassello Mancante ODV, in collaborazione con Arcipelago Ragazzi aps e con il prezioso contributo della Compagnia Fratelli di Taglia.

Dal 16 dicembre al 17 febbraio, 4 appuntamenti dedicati a spettacoli che affrontano con una raffinata combinazione di ironia e incisività una varietà di temi sociali di rilevanza attuale. L’approccio ironico permette di porre l’attenzione su questioni spesso complesse o delicate in modo accessibile e coinvolgente, mentre l’elemento pungente contribuisce a stimolare la riflessione critica del pubblico.

 

 

GLI APPUNTAMENTI


16 dicembre 2023 | Giobbe Covatta – Scoop: Donna Sapiens

Spettacolo che vuole dimostrarci, col suo linguaggio irriverente e dissacratorio, la superiorità della donna sull’uomo. Per convalidare tale tesi il comico spazia dalla storia, alla sociologia, alla medicina e da ogni punto di vista il maschio della razza umana esce perdente e ridicolo rispetto alla donna.


13 gennaio 2024 | Natalino Balasso – Dizionario Balasso

Il Dizionario Balasso è un corollario al precedente monologo, Velodimaya, sulla nostra comprensione del mondo. Ciò che governa questo nuovo monologo è la parola “definizione”. Ogni concetto è una scatola chiusa di cui leggiamo solo l’etichetta: il tag. Cosa c’è nella scatola? Perché ci ostiniamo a tenerle chiuse quelle scatole? È qui che Balasso si produrrà nell’arte in cui è ormai specializzato: rompere le scatole.


3 febbraio 2024 | Roberto Mercadini – La Bellezza delle Parole


Un monologo che è anche un inno agli inni, un discorso sul fare discorsi, una dichiarazione d’amore per le dichiarazioni, un desiderio che si avvera nel momento stesso in cui viene espresso. Roberto Mercadini racconta i racconti da tutta la terra sulla parola scritta e orale: la Bibbia ebraica; il Popol Vuh, libro sacro dei Maya Quiché; la mitologia indiana. E la storia vertiginosa e verissima di Helen Keller, la bambina cieca e sordomuta che imparò a leggere, scrivere e parlare.


17 febbraio 2024 | Davide Calgaro – Venti freschi

Il più giovane stand up comedian italiano ci rivela cosa vuol dire avere vent’anni, andare a vivere da solo e i problemi di chi come lui – proprio perché giovane – non viene mai preso sul serio. Racconterà in chiave comica e per esperienza diretta il passaggio dall’adolescenza all’età adulta e i guai che ne derivano, ridendoci su.


 

La rassegna è parte del progetto Classico Contemporaneo, progetto coordinato da Il Tassello Mancante ODV, in collaborazione con Arcipelago Ragazzi aps e con il prezioso contributo della Compagnia Fratelli di Taglia, un’iniziativa innovativa che mira a introdurre i giovani nel mondo del Teatro trattandolo come una vera e propria Impresa.
Questo progetto abbraccia tutte le sfaccettature di un universo tanto complesso quanto affascinante. Dalla fase iniziale pedagogico/laboratoriale, svolta in collaborazione con il corso di Sociosemiotica della Moda dell’Università di Bologna presso la sede di Rimini, alla fase produttiva con la messa in scena di uno spettacolo ispirato all’Inferno dantesco, realizzato in stretta collaborazione con i giovani talenti coinvolti.
Un ulteriore passo avanti è rappresentato dalla creazione di Astra Verba Ridens, grazie al prezioso sostegno dell’Amministrazione Comunale di Misano Adriatico.

 

PRENOTAZIONI:

Prevendita online: www.liveticket.it/astramisano

INFO:

Cinema Teatro Astra – via Gabriele D’Annunzio 22 – Misano Adriatico
Prenotazioni tel: 320 5769769
Mail: [email protected]

Maggiori informazioni:
www.fratelliditaglia.com/teatroastramisano

 

COSTI:

Carnet in abbonamento 4 spettacoli:
intero: € 65
under 25 anni: € 38
over 65 anni: € 55

X