fbpx

Giovedì 28 aprile ore 21.00
Rassegna filosofica RITRATTI D’AUTORE

Massimo Cacciari filosofo, politico, accademico e opinionista italiano, in “Oswald Spengler – il destino di un tramonto”. Lectio sul tramonto dell’Occidente. Cento anni fa, nel 1918, in un contesto storico devastato da quell’evento epocale che fu la Prima Guerra Mondiale, uscì in Germania il primo volume di un’opera di dimensioni enormi (il secondo volume uscìrà nel 1922), Il tramonto dell’Occidente, redatto da uno studioso, Oswald Spengler. Per lungo tempo l’Occidente ha rappresentato l’idea politica di maggior successo, grazie alla quale è stato possibile conseguire livelli di stabilità, pace e progresso impensabili in epoche precedenti. Oggi quest’idea è oggetto di pesanti minacce, non dall’esterno ma dall’interno. L’Occidente paga infatti lo scotto di una grave mancanza: aver smesso di garantire ai suoi cittadini quello che si aspettano dai propri governi – equità, prosperità e sicurezza. Si spiega così l’emergere di personalità e forze politiche che incarnano valori assolutamente antioccidentali. Valori che rischiano di distruggere le conquiste faticosamente raggiunte finora. Di fronte all’instabilità globale e alle tensioni economiche sembra che la reazione immediata sia chiudere i confini e far ricorso al nazionalismo xenofobo. Ma non è ancora troppo tardi per invertire questa tendenza. Massimo Cacciari ci esorta a resistere lasciando aperte la mente e le frontiere. Per più di cento anni filosofi e statisti hanno predetto la fine dell’Occidente che ha invece dimostrato flessibilità, capacità di adeguarsi ai cambiamenti e di evolversi. Se l’idea di Occidente prevarrà, dovremo perseguire con maggiore convinzione i suoi valori fondanti e tenere a mente un punto essenziale: senza apertura, l’Occidente non può prosperare; senza uguaglianza, non può durare.

Info:
Biblioteca Comunale 0541618484
IAT Misano 0541615520

Ingresso libero fino esaurimento posti
Cinema teatro Astra, via D’Annunzio 20, Misano Adriatico

Domenica 24 aprile ore 21,00
Live concert show con ANTONIO SORGENTONE & HIS BAND

Antonio ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di 10 anni e ha dedicato tutta la sua vita alla musica. È stato il nonno, in particolar modo, a farlo innamorare dello swing italiano. Il suo mito, non a caso, è un certo Renato Carosone. Nel suo cammino artistico all’interno di “Italia’s Got Talent”, il virtuoso del piano ha conquistato in special modo Mara Maionchi che, rivedendo in lui Jerry Lee Lewis, gli ha consegnato il primo Golden Buzzer dell’edizione 2019 di Italia’s Got Talent. Nel suo repertorio propone un mix di: 50’s R’n’R, boogie woogie, brani originali e classici swing italiani di grandi del passato come Renato Carosone o Fred Buscaglione.

Info:
IAT Misano 0541615520
Accesso Libero
Piazza della Repubblica, Misano Adriatico

Venerdì 22 aprile ore 21.00
Rassegna filosofica RITRATTI D’AUTORE
Nuccio Ordine filosofo e docente universitario di Letteratura Italiana in “Nessun uomo è un’isola” la metafora di John Donne contro egoismo e indifferenza. Ciò che sta accadendo in Eu­ropa e nel mondo è sotto gli occhi di tutti: si costruiscono muri, si innalzano barriere, si intrecciano centinaia di chilo­metri di filo spinato con lo spietato obiettivo di sbarrare la strada a un’umanità povera e sofferente che, rischiando la vita, cerca di sfuggire alle guerre, alla fame, ai tormenti del­le dittature e del fanatismo religioso. In questo brutale contesto, la bellissima riflessione di John Donne – raccolta in Devozioni per occasioni di emergenza (1624) – ci ricorda valori che sembrano ormai dimenticati: “Nessun uomo è un’isola, intero in se stesso; ciascuno è un pezzo del continente, una parte dell’oceano. Se una zolla di terra viene portata via dal mare, l’Europa ne è diminui­ta, così come lo sarebbe un promontorio, così come lo sa­rebbe il castello di un tuo amico […]; la morte di qualsiasi uomo mi diminuisce, perché sono preso nell’umanità, e perciò non mandar mai a chiedere per chi suona la campa­na; essa suona per te”. Il poeta inglese considera la sua lunga malattia e la sua esperienza del dolore come una straordinaria occasione per interrogarsi sul mistero della morte e sul posto dei singoli individui nell’u­manità. Nuccio Ordine analizzerà la meditazione di Donne e ripercorrerà la fortuna della sua metafora insulare.

Info:
Biblioteca Comunale 0541618484
IAT Misano 0541615520
Ingresso libero fino esaurimento posti
Cinema teatro Astra, via D’Annunzio 20, Misano Adriatico

Domenica 17 aprile ore 21.00

MOKA CLUB IN CONCERTO
Live Disco Music Band: Sono una band dance, pop, disco music, che nasce nel ’95 da un gruppo di musicisti svitati uniti nel segno della musica dance che spazia dagli anni 70 agli anni 80. Divenuti noti al pubblico oltre che per la loro professionalità, per i loro costumi in perfetto stile anni 80 e per le loro parrucche.

Info:
IAT Misano 0541615520
Accesso Libero
Viale della Repubblica, Misano Adriatico

X